mercoledì 28 dicembre 2016

VINCE IL CAMPIONATO 2016: HOLLY ‘67

Si conclude così anche questo anno. Non era mai successo che due atleti arrivassero a pari presenze in CLASSIFICA. Complimenti a Holly e Silvia per la costanza e la determinazione. Purtroppo però il regolamento prevede un solo vincitore, che a parità di presenze vengano presi in considerazione il maggior numero di kilometri. Ed è così che il campione nell’albo d’oro risulterà Holly; ma tutti noi sappiamo che moralmente anche Silvia è campionessa.
Per l’occasione la società fa avere al campione una corona d’avorio con il simbolo del cagnolino. 
Visto che è una cosa molto sentita, pubblichiamo anche la CLASSIFICA DI SEMPRE.
Per quanto riguarda la corsa, non c’è molto da dire. Percorso senza lode senza infamia: si costeggia la Brughiera Briantea, ma senza mai addentrarsi. Prevalentemente su asfalto ma comunque non male. Non c’è il freddo della scorsa domenica, e col passare del tempo la temperatura sale. 
 Seconda parte di gara con saliscendi corribili. Il passaggio più bello quello al castello, dove ci fermiamo a fare qualche foto. Un saluto alla Micky che ci ha fornito le foto del castello.
Diamo il benvenuto a Claudio, che si approccia alla corsa per le prime volte, ma che aspettiamo con piacere ogni qual volta vorrà. Oggi visto che la distanza media era 14 km, lui saggiamente sceglie di percorrere la 6 km, anche se poi si rammarica. Ma non c’è problema, il tempo per migliorare non manca … 
Da segnalare la forma strepitosa di Silvia, che ormai da quando fa le ripetute col personal trainer, resta al passo per tutta la gara con i primi della classe. Brava!
Come l’anno scorso a fine gara spogliatoi con docce affollatissimi, ma aspettando il momento giusto si riesce a far la doccia e cambiarsi comodamente. E sempre come l’anno scorso, la ciliegina sulla torta è la colazione al bar di fronte.
Per problemi di varia natura, salta ufficialmente la convocazione del primo dell'anno, che solitamente avveniva per le 11,15. Magari ci si convoca su whatsapp. Prossima convocazione valida per la classifica: quella per la befana.

giovedì 22 dicembre 2016

Convocazione per il 26 dicembre 2016

26^ CAMMINATA DI FINE ANNO  Novedrate (Como)  Percorsi: km. 6-14-20 Partenza ore 8.30/9.00 [Oratorio, Via C. Cantù] Comitato Giovani e Comune di Novedrate Informazioni: Enrico Radice (031.791470-3463212201)
CANISCIOLTI AL RITROVO A (ALBE) ALLE ORE 7,30 

Alternativa:  
-19^ Stramoncucco  Moncucco di Vernate Percorsi: Km 6/Km 12.5.  Partenza: libera dalle 8.00 alle 9.00 + competitiva ore 9.00 palestra comunale di Moncucco.  Costo: € 5 con riconoscimento (2 bottiglie di vino); € 2 senza. Maggiorazione € 0.50 per i non tesserati Fiasp.  Info: Masto Antonio 0290097479 orari negozio/Lanterna Pierangelo 029051380.
- Corsa di Santo Stefano.  Nerviano  Percorsi: km 5.  Partenza: ore 11 dall'oratorio, via Indipendenza.  Costo: € 5 (1 kg di arance + gadgets); gratis per i bambini.  Info: Fabio Pravettoni 3408918499 (no mattino).  Note: iscrizioni gruppi (minimo 10 partecipanti) entro le 21 del 23/12. Premi ai 3 gruppi più numerosi.

La società augura a tutti i canisciolti, e a tutti i nostri lettori, un felice Natale.
Non festeggiate troppo: ci si vede a Santo Stefano !


lunedì 19 dicembre 2016

E' finito l'autunno

Limido Comasco. I canisciolti nella gelida nebbia del ritrovo A, decidono di partire alla volta di Limido comasco sulla Lele car (che ci fa rivivere ricordi passati con il cd degli Europe)  scortati dal Sig. Roby e Nazza e raggiunti in extremis dall’ammiraglia di Ange che scarrozza Paolino e SimoUk.
Il termometro segna -5 e la visibilità più che scarsa.
Magicamente, nei pressi di Saronno la nebbia scompare, a favore di un cielo blu e limpido e di un bel sole.
Arrivati sul posto, non ricordo di aver mai fatto questa gara, in effetti è alla seconda edizione. Ritrovo con tutto quello che serve, in piccolo ma completo. Docce, attivate da noi, cucina con caseola da asporto, dove si poteva assaporare il profumo direttamente dagli spogliatoi.
La partenza è dalle 8,30, prima non si capisce dove partire, a parte il nostro Ange che paga un giudice di gara per farsi dire il percorso; così aspettiamo sotto il pergolato sotto il fungo generatore di calore.
Si parte! Fa un freddo cane, solo dopo cinque o sei km ci si scalda e si percepisce la carezza del sole. Tutti in gruppo più o meno; percorso abbastanza normale: strade di campagna, o campi verdi aperti. Quando ormai ci si è rassegnati a quest’anonimità del tracciato, ecco il largo sentiero che scende e si affusola intorno al bosco. Tutto ricoperto dalle foglie, ormai secche, non sono più le foglie d'autunno... La gara assume tutta un’altra faccia. Dopo qualche km di bosco ecco il bivio 12 -18 che diventa una vera e propria tentazione. ..
A saperlo, Sarebbe stato meglio fare il tratto della 6km e poi al bivio prendere per la 18: sarebbero stati sempre 12 km ma con più bosco.
Per la CLASSIFICA ancora tutto aperto: si deciderà il titolo a Santo Stefano. 

L'ultima (per me) dell'anno. (di Sl@w Foot) 
Domenica, ore 7:15: con un bel meno due sul cruscotto, mi avvio verso San Donato, il posto dove si è trasferita Valeria da qualche mese. 
Ogni giorno che passa di questi tempi, si rinforza la mia convinzione di trasferirmi a Tenerife. Settimana scorsa correvo a più 18, alla stessa ora... 
Dopo il Valeria-stop, giungiamo in quel di Trezzo. L'anno scorso eravamo quasi in 20 ed io ero sul Car-Force One (detta altresì auto Presidenziale), ma quest'anno neanche Holly è venuto, seppur sapesse che la SUA Valeria era presente. 
Il gap della mancanza di Fulvio è subito evidente: alla Camminata di Natale per solidarietà solo una cosa scarseggia, il parcheggio, e senza la guida e gli sproni del Pres stiamo in giro 10 minuti d'orologio e alla fine parcheggiamo a un chilometro dal ritrovo. 
Con lui si sarebbe parcheggiato sul giardinetto a 10 metri dal campo sportivo, anche a costo di salire sul dondolo per i bambini. 
Dopo scarico borsa Valeria, si parte. Vale vorrebbe fare i 16k, (chissà poi perché proprio 16), ma i 16 non ci sono. O 14, o 20. 
La convinco a fare la 20k, che nell 2013 corremmo insieme. 
Una delle ultime prima di unirci ai Canisciolti. 
La mia andatura è insostenibile per lei, così al 4km decide che non può più tenere il mio ritmo. E ci salutiamo. 
Al traguardo saranno ben 8 i minuti che ci separeranno. 
Il tragitto è quello solito. Per me questa è una delle più belle tapasciate dell'anno. Pure meglio quando c'è neve. 
L'unico pezzo "folle" è la salitona al termine della parte lungo l'Adda. Una salita ripidissima e pavimentata con ciotoli rotondi: impossibile correrla (non dico solo per me), e anche un poco pericolosa. 
Finito quel tratto, il percorso rientra verso Trezzo, senza mai scendere più a livello del fiume. Forse un po' troppo asfalto, ma per aumentare i tratti di sterrato si dovrebbero comprendere molti più saliscendi. 
Alla fine ci attende un ottimo ristoro, con tortellini in brodo. Io ovviamente scarto i tortellini (chi ha assaggiato quelli che mi fa mia mamma può capire), e mi bevo il brodo caldo. 
Valeria parte il 21.12 per gli States. Mentre è la si farà una mezza a Long Beach - California, alla faccia nostra. (Vale: foto e articolo, e vedrai che Fulvio te la passa in classifica). 
Io il 26 sarò a Bologna, sennò mi sarei fatto la StraMoncucco come due anni fa. 
Per cui tocca salutarvi con questo articolo, anche a nome di Vale. 
Buon Natale e Felice Anno Nuovo a tutti voi Canisciolti & Famiglie. 
Ci si vede il 1° Gennaio per la solita "autogestita". Secondo me dovrebbe cominciare a far classifica... 



giovedì 15 dicembre 2016

Articoli e Convocazione per il 18 dicembre 2016

Holly: sempre primo (saranno le super scarpe?) (di Silvia)
Domenica mattina c'è aria di festa: arrivano foto da Ambrogio e dal sig. Roby in clima ormai vacanziero.
Si capisce già che al ritrovo saremo davvero in pochi: io, Holly, Andrea Caccia, Ange, Paolino e il Pirata che rientra finalmente in gruppo dopo 2 mesi di assenza! Basta, non c'è più nessuno, quindi si parte per andare a Busto Arsizio. Non appena arrivati, Passirunner scrive sul gruppo per comunicarci che ci raggiungerà direttamente in loco ... non avendo sentito la sveglia.... A questo punto propongo a Passirunner di passare a prendere Holly domenica prossima ... non si sa mai....
Foto di gruppo e si parte. Tutti sugli 11, tranne il Pirata che giustamente preferisce rientrare piano piano con 6 km. Io, Andrea e Holly corriamo insieme con tranquillità finchè, all'ultimo chilometro, sull'asfalto accenno ad un sorpasso e Holly, punto nell'orgoglio, a quel punto ci saluta.... non vuole proprio arrivare dopo di me. Grazie ad Andrea C. arrivo alla fine... che fatica questa mattina....
Niente doccia, purtroppo, ma tante fette di pane e nutella! Poi tutti a fare colazione, gentilmente offerta da Andrea C. (per farsi perdonare da Holly: infatti sulla strada del ritorno Andrea si accorge di avere dimenticato il giubbino e così siamo dovuti tornare indietro).
Domenica tutti presenti per l'ultima corsa prima di Natale.


Lele Stracanonica 2016 (di Lele)
Eccomi alla terza edizione della stracanonica l'08/12/16, la mia seconda partecipazione, per me potrebbe diventare un classico dell'Immacolata.
Purtroppo ero da solo, l'unico canesciolto,....... ma ne è valsa comunque la pena!!
Pettorale 364, penultimo degli iscritti, e via!!
Bella giornata (anche se freddina),bella corsa, tanta bella gente .....di corsa, anzi molto di corsa.....ottimo percorso e buona organizzazione.
Rispetto all'anno scorso anche bel pacco gara: un accattivante maglietta tecnica.
E' andato proprio tutto bene, anche il mio tempo 48 netti per 10300m, veramente soddisfatto!!
Per la perfezione mancava solo la buona compagnia..... ciao e alla prossima!!

2^ PRIMA CAMMINATA CON BABBO NATALE Limido Comasco (Como)   Percorsi: km. 6-12-18 Partenza ore 8.30/9.30 [Via Rimembranze] Polisportiva Limidese Informazioni: Luca Bianchi (tel. 335.5848764) - Omar Farioli (tel. 340.7013879)

CANISCIOLTI AL RITROVO A (ALBE) ALLE ORE 7,30

LA CAMMINATA DI NATALE PER SOLIDARIETA'  Trezzo sull'Adda (Milano)   Percorsi: km. 8-14-20  Partenza ore 8.30/9.30 [Campo sportivo, Via Rocca 19] Gruppo Podistico AVIS-AIDO di Trezzo sull'Adda Informazioni: Benedetto Bonaiuti (tel. 02.9090036/347.4714589)

martedì 6 dicembre 2016

Rovellasca e convocazione per 11 dicembre 2016

Bella mattinata quella trascorsa dai nostri ragazzi. Dopo quattro chiacchiere al ritrovo, quando si capisce che non arriverà più nessuno, si parte destinazione Rovellasca. I soliti due li troveremo sul posto, c’è poi chi sceglie di fare la pedemontana, gli altri dispersi per trovare parcheggio.
Anche questa volta di Gugu nessuna notizia..
Se non la foto omaggio tributo per la scomparsa di un suo mito.
Arrivati al punto di partenza, occupiamo subito gli spogliatoi, vecchio stile, quello che ci ha visto crescere; foto di gruppo, per Ange e Paolino solo giù perché avevano fretta, e via si parte.
Percorso molto bello, ma ce lo ricordavamo, tanto che Ambro si rammarica di non aver fatto i 20 km.
Tutto bello e ben organizzato anche a livello visivo. Addirittura vendita di panini con salamella. 
Unica pecca che alle iscrizioni non mi danno quella con riconoscimento, dicendomi non più disponibili.
Peccato che dopo cinque minuti a Holly la danno …. 
Tutti sul percorso dei 14 a parte Andrea 6 e Lele 20 che chiaramente punta al primato dei km.
La cosa sempre apprezzata spogliatoi e docce a nostra quasi esclusiva disposizione.
In accordo con i due capo classifica, giovedì 8 dicembre sarà FUORI CLASSIFICA.

Le gare in programma per il giorno dell’immacolata (fuori classifica) sono:
Cantalupo 2^Cursa da la Madona  Percorsi: km 4, Km 8.  Partenza: ore 9.00 presso P.zza S. Bartolomeo, Cantalupo.  Costo: € 5 con ric.(zainetto+dolce natalizio) €3 senza ric..  Info: 3497798131/3392763680. 
Cuggiono 2^ PoLenta di Corsa  Percorsi: Km 8,12,21.  Partenza: libera dalle 8.30 alle 9.30 sull'Aia di Villa Annoni Piazza Belotti Cuggiono.  Costo: € 2.50 per tesserati Fiasp € 3 per i NON tesserati Fiasp.  Info: Bar Ivano 3382318471 - 18mandragola88@gmail.com - asdsportnelcuore@gmail.com.  Note: All'arrivo degustazione di polenta.
Bernate Ticino 3^ StraCanonica  Percorsi: km 10 (competitiva FIDAL e non competitiva) - km 3 (Baby StraCanonica).  Partenza: ore 10.  Costo: € 13 competitiva; € 6 non competitiva; € 3 Baby StraCanonica.  Info: info@stracanonica.com - eventi.atleticapalzola@gmail.com - www.stracanonica.com.

CONVOCAZIONE PER DOMENICA 11 DICEMBRE:
46° A Pee in Brughea  Busto Arsizio (Va) Non competitiva di Km 20 - 11 – 5. Partenza ore 08:30/09:30 da Via Eugenio Villoresi . Telefoni: 0331.683418 - 333.5307803.  Email: orlandise@gmail.com 

CANISCIOLTI AL RITROVO A (ALBE) ALLE ORE 7,30.

Alternativa: Giro del Colle di San Michele a Borgomanero. di 14 e 25 km. Corsa bellissima fatta nel 2012 dove Dj si infortunò...

venerdì 2 dicembre 2016

Firenze Marathon e convocazione del 4 dicembre 2016

Le porto un bacione da Firenze... (di Passirunner)
L’esperienza fiorentina era partita un po' in sordina, conseguenza di Bilbao e trascinato da altri canisciolti… vieni anche tu, vengo anch’io, no tu no… mano a mano che si avvicinava la data, chi per un motivo chi per altro, le defezioni crescevano…alla fine anche le figlie mi abbandonavano…
Dunque alla fine si parte, con moglie Barbara al seguito, tipo seconda luna di miele… Si parte carichi come delle bestie, porti a prestazioni fantasmagoriche, ma poi al primo contatto con altri runners ci si ridimensiona sempre: già sull’autobus verso il ritiro pettorale si incontra un “collega” che era lì per allenarsi…”sai, faccio le corse da 200km, sono qui per allenamento, andrò tranquillo in 3h e15’”…. Vabbè, ciao
Bello lo spazio espositivo, milioni le maratone presentate in giro per il globo, anche moglie affascinata (“guarda che bello, la Mezza in Australia, solo 3500 euro tutto compreso….”)… Ibiza ad aprile però non sarebbe male…
Notevole la presenza del campione Baldini (probabilmente della stirpe dei Baldo): ci si potrebbe fare foto e chiacchere, ma il tempo stringe, si preferisce andare a vedere le bellezze di Firenze prima che venga la sera… e così via, a macinar km per chiese, ponti e statue…ovviamente tutto affascinante…
La scelta dell’ostello azzeccatissima: praticamente la via dietro a Piazza della Signoria, e a 300 mt dal Duomo, luogo di partenza e arrivo della gara… è proprio qui che con la casualità che contraddistingue alcuni incontri mi reimbatto nel personaggio Mandelli, un tizio incontrato alla mia prima maratona (Nizza-Cannes), personaggio di una tale complessità impossibile da descrivere in poche righe (magari un giorno si scriverà un libro)…. Dico solo che in questi anni aveva già fatto Londra, Parigi, New York.. e per Firenze puntava al tempo di 5.45…
Altri giri, altri monumenti, l’ennesimo lampredotto e Chianti, una sangria e due chiacchere nell’ostello con altri runners da Faenza, da Cagliari…e poi nanna…

La corsa: temperatura freschina all’inizio, ma si va di maglietta (peccato non sfoggiare la violacea maglia di Antognoni, ripiego solo sui calzettoni celebrativi)… Numerosissime le presenze, dall’inizio alla fine non ci si sentirà mai soli, e anche la presenza del pubblico è bella sostenuta e coinvolgente…
E via, si parte… le strade sono belle larghe, non si creano tappi o strettoie, anzi i primi 10 km sono un po' noiosetti.. poi si va lungo l’Arno, dentro il parco, il paesaggio cambia e si ritorna in centro, fugace incontro con la moglie (eroica nel seguirmi qui e là sul percorso) e poi si riesce verso lo stadio…. Bello il passaggio dentro il palazzetto di atletica, a saperlo qui venivano delle belle foto….. Siamo verso il 30km, finora ho tenuto il ritmo che mi sono prefissato, ma non mi sento in forma, il fisico non è arrivato proprio rilassato all’appuntamento (pure una partita di calcetto fatta in settimana…), dovrò tenere duro
E si arriva altri ultimi km: esaltanti perché si svolgono tutto dentro e fuori la piazza Duomo, sul ponte Vecchio, paesaggi suggestivi..ma nel frattempo si vivono i momenti drammatici della fine delle energie: runners camminanti, vomitanti, zoppicanti…. Io tengo duro e ci credo, le energie mi abbandonano, non guardo più l’orologio ma a 3 km dall’arrivo non ne ho proprio più, riesco a non fermarmi mai ma ho ancora quella manciata di minuti di ritardo (anche se è la migliore maratona che ho fatto quest’anno)… sarebbe bello fare uno scatto sull’ultimo vialone in centro al paese, ma le gambe sono già piantate… arrivo comunque trionfante, bacio alla bella, ritiro medaglia… verso lo spogliatoio incontro il Mandelli, che mi rivela di aver tagliato il percorso (“oggi non c’avevo voglia di stare in ballo tutte quelle ore”)….si vabbè ciao…
Qui, per i più sadici, è possibile gustarsi alcuni video della mia prestazione…..
In tutta la corsa ho deciso di portarmi dietro il chip non ritirato dal Presidente: un po' con la speranza di ricevere qualche energia in più, poi per avere vicino idealmente tutti i Canisciolti che volevano venire o che verranno (grazie a tutti per questo 2016 di running). Ma fondamentalmente per una dedica speciale di questa maratona: alla nostra Presidentessa…

CONVOCAZIONE PER IL 4 DICEMBRE 2016

Babbo Natale di Corsa. Rovellasca (Co)Km: 6 – 14 -20 Partenza ore 08:00/09:30 c/o Oratorio Ravellasca, via Monte Grappa 1 45° Telefoni: 393.9390369 - 331.9561457 Email: rovellasca@maneranners.it

CANISCIOLTI AL RITROVO A (ALBE) ALLE ORE 7,30

Alternative:
Tapasciata Bustoca. Busto Arsizio (Va) Non competitiva di Km: 6 – 12 - 18 Telefoni: 347.9230240 - 0331.681393 - 335.8483606 Email: propatria.podisti@gmail.com Email: Partenza ore 08:30 c/o il Consorzio Parco Alto Milanese, via Olindo Guerrini 40

lunedì 28 novembre 2016

Hasta Siempre "Che" Belotti!


Domenica 27 novembre 2016 Canisciolti in esiguo numero, ma ricordiamo che Passirunner è di scena a Firenze per la maratona, così come Silvia per la Family Run; mentre il Baldo stampa un tempone alla 10km di Zeloformagno. 
CLASSIFICA che vede appaiati a pari presenze Holly e Silvia, che in caso di parità prevarrà lo spirito cavalleresco: prima le donne.


Aspettiamo l’articolo di Passirunner, ma conoscendolo arriverà dopo metà settimana, visto che per risparmiare ha preso il treno locale che fa tutte le fermate, passando prima da Lecce, e altri mille scali.
Presenti oggi Luisa e Marco che decidono di festeggiare il compleanno di quest’ultimo, iniziando a frequentare i canisciolti. Ci auguriamo di vedervi ancora.


Hasta Siempre "Che" Belotti! (di IVAN)
E' la domenica dell'Ossonainsieme. La mia sesta di fila, la prima senza Fidel. Vai che si và. 
Al ritrovo incontro Max, Hollik (con le scarpe di Paperinik) e Paolo PA. Il Pres arriva con calma qualche minuto dopo, forse rallentato dalla nebbia, che grava solo sul parcheggio del ritrovo. 
Siccome i 4 che vedo hanno tutti la borsa con con il necessaire per ripulirsi da eventuale fango, offro la mia auto per la mini-trasferta, e partiamo. 
Mi si chiede quasi subito di cambiare l'ottima colonna sonora di un cd giapponese su Lupin III (versione speciale tiratura limitata). Con il che si dimostra che non si può avere tutto nella vita: almeno Passirunner non poneva vincoli alle scelte musicali. 
Parcheggiamo non troppo vicini alla partenza. Il meteo è buono: 5°C. 
Nel tragitto troviamo la vettura del trio delle meraviglie. Alla partenza però scopriamo che il trio oggi è solo un duo: Nazza e Signor Roby
Vai di foto, ma dopo qualche minuto si ripete, poiché Holly tira dentro una coppia (mista) di atletici runner. Li vedete nella foto, non ho memorizzato i nomi... pardon. Ma se li incontro per strada giuro che li riconosco! 
La Ossonainsieme mi piace anche perché è la comoda occasione di rinnovare la tessera Fiasp per l'anno prossimo. Espletata anche questa formalità si parte. 
Io e Paolo (che è l'unico a buttarsi sui 18k) siamo iscritti con un altro Gruppo. Non ricordo il nome, ma se lo incontro per strada giuro che lo riconosco! 
Fulvio è in tenuta invernale, per lui. Guardate la foto e... rabbrividite. 
Dopo meno di 2k, come al solito, rimango indietro in compagnia del mio podcast di Radio24. Eh vabbé, sarò più lento ma imparo un sacco di cose. 
La corsa è la solita di ogni anno. Prima o poi proverò anche io la 18. Per la 12 il percorso è un 40% asfalto e resto sterrato, ovviamente con numerose vaste pozzanghere, ma tutte evitabili. 
All'arrivo il buffet: ricco, ben disposto in modo da non creare troppi assembramenti. Eppoi... col riconoscimento arriva anche il buono polenta con ragù di salsiccia. 
Ogni anno trovo qualcuno che mi cede il suo buono. Ed anche quest'anno pasteggio doppio grazie al buono che Signor Roby mi ha dato prima di partire. 
A proposito... Ma dov'è Signor Roby? All'arrivo infatti vedo tutto il gruppo, salvo lui e Paolo (che però è sui 18). 
Ed è lì che Nazza tira la bomba: "Roberto ha fatto i 12!" Naaaaa... Non ci credo. 
Paolo arriva dopo un po'. Fulvio non aspetta il cambio e, trovato un passaggio da altri, se ne va a casa. Molto bene... vedremo se, la prossima volta che sarà con  me, ci sarà un posto per lui al rientro... eh eh eh. 
Lascio l'arrivo senza aver ancora visto l'eroico Roby, da oggi per me "Che" Belotti. 
Arrivato a casa non resisto e posto su Facebook la doppia news: "Roberto Belotti lanciato sui 12 chilometri in quel di Ossona, mentre all'Havana si fa festa per le strade: i dottori si sono sbagliati e Fidel ha ripreso conoscenza, è vivo e sta bene." 
Questo lunedì mattina, verso le 5:00, mi squilla il cellulare. Oddio chi è? 
Una voce nasale, chiaramente americana, mi dice: "Ivan? I'm Mark. I wanted to call you personally. Our new policy on false news is quite strict. We had to..." 
Vabbé la scrivo in Italiano così la capisce anche Ste: "Ivan? Sono Mark. Ho voluto chiamarti di persona. La nostra nuova policy sulle bufale è molto rigorosa. Abbiamo dovuto modificare il tuo post di ieri, almeno per la parte che risultava chiaramente falsa. Scusa l'orario ma qui in California sono solo le 8 di sera." 
Vado a controllare il mio Facebook: accidenti! Il mio post ora recita: "All'Havana si fa festa per le strade: i dottori si sono sbagliati e Fidel ha ripreso conoscenza, è vivo e sta bene."

giovedì 24 novembre 2016

Convocazione per il 27 novembre 2016

27^ OSSONAINSIEME  Ossona (Milano)  Percorsi: km. 5-12-18 - Misto asfalto-sterrati Partenza ore 8.30/9.00 [Parco Villa Bosi, Via Roma - Ossona] G.P. Quelli della Via Baracca Informazioni: Fabio Tenace (tel. 338.3330452) - Michele Romanini (tel. 339.2950693)

CANISCIOLTI AL RITROVO B (Fulvio) ALLE ORE 7,30

Alternativa:
15^ CAMMINATA "INSIEME VERSO IL CENTRAFRICA"  Mozzate (Como)  Percorsi: km. 6-12-18 Partenza ore 08:30/09:30 [Parco Guffanti - Via Limido, 44] Amici per il Centrafrica Onlus e G.P. Boomerang di Carbonate Informazioni: Maria Carla Pagani (tel. 338.4003500)
Vedi foto 2015

GabrinaTHLON  Mantegazza di Vanzago  (MI) . Ritrovo 8,30 Via Cascina Gabrina Mantegazza. Iscizioni 5 euro numero chiuso 200 partecipanti. Duatlhon non competitivo: 4km corsa e 9 km mountan bike. Partenza 9,30.

lunedì 21 novembre 2016

CENA Sociale, La banda del buco e La Gorlonga

Grande successo anche quest’anno per la cena sociale, dove si è mangiato benissimo, un menù classico, ma ben cucinato. Un grande GRAZIE alle cuoche che hanno lavorato duramente con passione per questa bella serata. Il risultato si è visto.
Molti complimenti sono arrivati anche per Silvia, che è riuscita a compilare un semplicissimo foglio excel.
Le note negative sono rappresentate dagli ammanchi in cassa: infatti non si sono presentati i Signori: Gugu, Bum Bum e Ange. D'ora in poi soprannominati La banda del buco. Il posto per tali signori era stato riservato, e i piatti cucinati. Attendiamo quindi il rimborso, soprattutto dal recidivo Gugu (che prenotava addirittura per due)ma anche dagli altri.
Alcuni pensano si tratti di una vendetta, visto che l’altra domenica aveva preparato un caffè a vuoto…
Molto bene tutto in generale, con il trio delle meraviglie che si assicurava di occupare i posti dell’anno scorso. Grazie a tutti!

La Gorlonga Non molti i reduci in questa grigia domenica mattina che si presentano al ritrovo A , dopo che Silvia aveva insistito per un unico ritrovo, visto che la sera la maggioranza voleva andare a Casarile.
Una volta al ritrovo poi tutti a Gorla.
La Gorlonga, ci vede partecipare per la prima volta, anche se qui ne abbiamo già fatte di corse ma sotto altro nome, tipo ‘giro della valle Olona’, e non dimentichiamoci che questa palestra è stata teatro della prima storica foto. Quella del CDS.
Non vogliamo neanche commentare la scelta del fotografo per la foto di gruppo ...
Arrivati in palestra, ci cambiamo, ultimiamo le iscrizioni, e rimaniamo ad aspettare Ange e Simo… che in realtà erano già partiti. Tutti sui 13 km
Primi 5 km tutti su asfalto, tra vie con villette e centro del paese, poi un breve tratto lungo Olona, e i restanti 7km su sterrato nel bosco del Rugareto. Le solite due scalinatone dell’Aranciolona. Corsa tutto sommato piacevole, grazie anche alla compagnia di alcuni del gruppo delle 5cascine, col quale si stringe un gemellaggio di corsa e commerciale, con intrecci di lavoro e accordi per le proprie corse. 
Ristori classici e con i soliti thè pane e marmellata / nutella. Alla fine anche brodo.
Negato l’uso delle docce poiché nel pomeriggio si sarebbe disputata una partita di pallavolo.
Anche questa domenica è trascorsa in allegria e compagnia, la ciliegina sulla torta è la colazione al bar …
Complimenti a tutti! A domenica prossima.

giovedì 17 novembre 2016

Convocazione per il 20 novembre 2016

GORLONGA  Gorla Minore (Varese)  Percorsi: km. 6-13-20 Partenza ore 07.30/09.30 [] CAI Gorla Minore Informazioni: Sergio Ferioli (tel. 333.2985940)
CANISCIOLTI RITROVO A (ALBE) ALLE ORE 7.30.

Alternative:
- 44^ QUATTRO PONTI SUL LAMBRO  Lambrugo (Como)  Percorsi: km. 6-12-20 Partenza ore 08:00/09:00 [Parco Comunale, Piazza Papa Giovanni Paolo II] G.S.C. Lambrugo - Via S. Carlo, 53 - Lambrugo (CO) Informazioni: Alberto Gerosa (tel. 338.1946374, sera)
- ALPINCUP 21k 10k competitiva e 10k non competitiva. Partenza della 10K competitiva e non competitiva alle ore 9.15, MezzaMaratona ore 9,30. La partenza avverrà davanti alla Cascina del Parco Nord. Info su www.alpincup.it  Il ritrovo con ritiro pettorale e pacco gara è previsto dalle ore 7,30 presso il centro Scolastico Parco Nord (Entrata da Via Clerici).
20/11/2016: Casarile 32^ Stragelada  Percorsi: km 6,12,19.  Partenza: libera dalle 8.00 alle 8.30 presso Via Puccini Casarile Scuole Elementari.  Costo: € 5 con riconoscimento € 2 senza.  Info: Gritti Nazzareno 029055116 dalle 18.00 alle 21.30.  Note: Maggiorazione € 0.50 per i non tesserati Fiasp.

lunedì 14 novembre 2016

Hollik e i suoi seguaci

Qualche riga, per annotare che il nostro Polt ha portato a termine la Maratona di Ravenna. Per alcuni trattasi di un'impresa; per altri di una follia; per altri ancora la corsa viene usata non come sport, ma come autolesionismo per espiare le proprie colpe, magari usando anche il silicio, e noi non lo sappiamo; per altri il mistero è perchè faccia maratone di nascosto; indipendentemente dai vari punti di vista, l'unica cosa certa sono i 42 kilometri messi in cascina. A questo punto penso che del tempo impiegato non interessi a nessuno ...

HOLLIK (di Slow Foot)  La muta più numerosa di cani si reca in quel di Bareggio, per una tapasciata che per la prima volta viene spostata dalla bella stagione all'Autunno. 
Parto da casa a piedi, visto che abito più o meno a 4km dal ritrovo. 
All'oratorio di San Martino di Bareggio vedo per primi Ambro e Niki, ma via via arrivano anche gli altri, dopo essersi cambiati o aver giusto lasciato le borse nel locale dove l'organizzazione conserva i premi. 
C'è un po' di malcontento per come vengono gestite le iscrizioni, qualche addetto chiacchiera invece di registrare i nomi, e un coda di sole 10 persone diventa lenta come una coda in codice bianco al pronto soccorso di Rho. 
Arriva un nuovo runner nel gruppo... ah no, è soltanto Passirunner, senza fango non lo avevo riconosciuto. Il buon Passi, dopo aver imparato che sono venuto senza auto, deciderà poi di svicolare per i fatti suoi alla prima svolta dopo la partenza (neanche 500 metri). 
Si presenta alla partenza anche Holly, pur acciaccato, per non mollare la testa della classifica a Silvia. 
E' una lotta a due, ma state attenti ragazzi, perché dietro di voi ci sono Lele e il clone del Nazza (non è il Nazza... il Nazza si sta godendo la vita in giro per l'Italia, e nella sua versione vera corre ancora più lento di me. Quello che vediamo in giro quest'anno è il suo clone con arti bionici), quindi basterebbe solo un'influenza, una bronchituccia e... zac! Raggiunti al fotofinish. Non è che voglia tirarvela... 
Ma fatemi tornare ad Holly, e fatemi aprire una parentesi. Quando avevo 9 anni il mio personaggio preferito era Paperinik. Ricordo che un bambino cacciaballe mi aveva preso in giro, facendomi credere che lui era riuscito a trovare e comprare gli stivaletti a molla di Paperinik.
Immaginavo di impossessarmene anche io, per poi fare mirabolanti salti in giro per il mio quartiere. 
Che delusione quando capii che il tipo (ho rimosso mentalmente il suo nome), mi aveva preso in giro. 
Immaginate invece il tuffo al cuore che ho avuto ieri mattina, quando ho visto Holly con gli stivaletti dei miei sogni di bambino! 
Vabbé, non proprio stivaletti, ma sicuramente scarpe prodotte a Paperopoli, e siccome (fateci caso) nessun papero maschio indossa le scarpe (al limite Zio Paperone le ghette), ciò implica che quelle scarpe che aveva Holly, dovevano essere per il supereroe paperesco. 
Holly-Paperinik (lo chiameremo Hollik da ora in poi) nega, dice che sono lo stesso modello di quelle già viste a Lello, ma quelle di Lello erano diverse, colorate, chiaramente realizzate dalla LEGO. Chiusa la parentesi. 
Forse per mascherare le meraviglie delle sue paper-scarpe, forse per restare con la "sua" Vale, Hollik non spicca nessun balzo, anzi procede talmente lento insieme alla Vale che per 3km formiamo quasi un terzetto. 
Io più dietro però. E questa domenica non c'è Signor Roby che ha preferito andar per trifole. 
Al bivio 6-14 Hollik svolta, e vorrebbe pure che lo seguissi. Tié! Non mi hai fatto vedere neanche un salto, vai pure da solo.
A quel punto capisco che era la Vale a correre col freno, poiché dezavorrata da Hollik, prende e s'invola. Non la vedo più. 
Passano i km tra campi e cascine. Al mio contapassi meccanico saremmo intorno al km 14 quando invece compare la scritta: "Ultimo km". 
Porca miseria, come mi stanno sulle balle quelle tapasciate dove gli ultimi 2 km misurano 3.000 metri. Cinquanta anni fa gli Americani mandavano degli uomini a 300.000 km di distanza con dei calcolatori che messi insieme non avevano i gigaflops di un iPhone 6 di oggi, e qui da noi sbagliano ancora di un km su quindici. 
Facciamoci pure quest'ultimo km. 
All'arrivo rivedo quasi tutti, tranne il clone del Nazza (non suda, non ha bisogno di cambiarsi... da oggi in poi carico solo lui sulla mia auto!). 
La Vale presenta ad Hollik una sua ex-amica che ha velleità corsaiole ed abita a Rho. 
Per la precisione, è una amica di Vale ma, avendole presentato Hollik che comincia a broccolarla e poi, non contento, le presenta pure Ste che forse è l'unico peggio di lui, tosto diventerà sua ex-amica. 
Arriva al traguardo anche Nico, la sorella di Valeria. Alta, simpatica, con una certa eleganza anche in tenuta sportiva. Insomma, la dimostrazione che quando hai due figlia, c'è a chi tocca tutto, e a chi tocca poco o niente. 
Saluto velocemente tutti quelli che vedo. Eh... almeno sui saluti sono tra i cani più veloci... Poi rientro a casa. Stavolta camminando. 
Sulla strada del rientro un paio di auto mi danno un colpo di clacson. Mi piacerebbe scrivere che erano due macchine piene di cicame, ma trattavasi solo di Hollik e Ambro.

Marcia del tartufo d’Alba, a Valle Talloria di Diano d’Alba (del Sig. Roby)
La giornata si può definire con due aggettivi: stupenda e meravigliosa, tutto è girato dal verso giusto a cominciare dal tempo, cielo azzurro senza una nuvola con sole tiepido ideale per correre.
Con questa condizione di tempo lascio a voi immaginare il meraviglioso paesaggio delle Langhe che si è presentato ai nostri occhi con castelli che dalla sommità delle numerose colline dominano i sottostanti vigneti.
La giornata è stata suddivisa in tre parti:
Corsa, Pranzo Enogastronomico e visita alla cantina di Fontanafredda
-Corsa, la partenza prevista alle h10:00 ci ha permesso di fare cose con calma e di partire per la corsa con una temperatura tiepida. Arrivati al ritrovo, Piazzetta cantine Giordano alle h9:00, c’erano già numerosi runners che scalpitavano, facciamo le iscrizioni con riconoscimento, bottiglia di Grignolino con scatola di ciambelline al Barolo, foto di rito con sfondo casa imperiale della proprietà e poi con gli altri runners partiamo una mezzoretta prima dell’orario previsto.
Io, Maurizio e mia figlia Chiara puntiamo per i 12 mia moglie per i 6, percorso tutto su asfalto, dopo il primo kilometro pianeggiante inizia una interminabile salita sulla collina tra vigneti, frazioni di paesini e cantine vinicole con paesaggi da mozzafiato, Maurizio e Chiara continuano a guadagnare metri su di me fino a quando spariscono dalla mia visuale e rimango solo ad annaspare, la sofferenza termina al settimo kilometro quando in fondo all'ultimo tornante termina la salita e trovo il ristoro rifornito di tè caldo e non poteva mancare il Barolo (bottiglie vuote ce n’erano già molte), bevo un bicchiere di tè e poi giù sulla sospirata discesa fino all’arrivo.
Giunto all’arrivo sfinito trovo, Antonella,  Chiara e Maurizio, recuperiamo i borsoni  lasciati in macchina e via a far la doccia, tra poco ci attende il pranzo Enogastronomico.
-Pranzo Enogastronomico al ristorante “Le Due Lanterne” a Verduno 10 minuti di macchina dalla partenza della corsa. In quelle località è difficile mangiar male, si parte dagli antipasti affettati di cascina ai peperoni in bagna caoda, ecc. non potevano mancare i Tajerin al tartufo ed il brasato al Barolo. Tutto ottimo!!!
-Visita alla cantina Fontanafredda, arrivati Serralunga d’Alba entriamo nella tenuta una immensa riserva bionaturale. Entriamo al centro degustazioni un posto incantevole e chiediamo se è possibile visitare le cantine, siamo fortunati sta per partire la visita guidata proprio in quel momento, paghiamo le €5,00 a testa e via giù sotto questi edifici colonici una volta residenza dei Re dove esiste un mondo tutto particolare, la guida illustra tutti i locali dove avvengono le varie fasi della vinificazione fino ad arrivare ai locali dove il vino riposa nelle innumerevoli e gigantesche botti di rovere. Davvero il tutto molto affascinante.
Ore 17:30 finisce la giornata nelle Langhe, ore 20:00 siamo di ritorno a casa, Tutto OK

giovedì 10 novembre 2016

CONVOCAZIONE DEL 13 NOVEMBRE 2016

13/11/2016: Bareggio 27^ San Martin in mes i vign  Percorsi: km 6 - 14.  Partenza: dalle 9 alle 9,30 dall'Oratorio S. Martino, via Novara 27.  Costo: € 5 con riconoscimento (sacchetto gastronomico ai primi 500 iscritti); € 2,50 senza. Maggiorazione € 0,50 per i non tesserati FIASP.  Info: Oratorio S. Martino 0290278794 - 3474975250 - usob@usob.it; Cattaneo Silvano 3396438751.  Note: iscrizione gruppi entro le 21 del 12/11.

Per Bareggio CANISCIOLTI AL RITROVO B (Fulvio) alle ore 8.20 

Alternative:
42^ CAMMINATA DI SAN MARTINO  Cimbro di Vergiate (Varese)  Percorsi: km. 6-10-18 Partenza ore 08:30/09:30 [Oratorio] G.S. Cimbro - Via Cappelletta, 1 - 21029 Cimbro (VA) Informazioni: Ermanno Berrini (tel. 0331.946522)

11^ CORRIAMO INSIEME  Zibido San Giacomo (Milano)  Percorsi: km. 4-10-21 Partenza:ore 9.00 [Parcheggio "Colombana" di Zibido] Polisportiva Zibido San Giacomo Informazioni: Mario Ambrosiani (tel. 333.2549709) - Mauro Girelli (tel. 333.3826338)

7^ MARCIA SULL'ALPE E IL SAN GENESIO  Castello Brianza (Lecco)  Percorsi: km. 4-8-16-23-30 - Ondulato misto sentieri e sterrato Partenza ore 07:30 alle 09:00 [Centro sportivo, Via Roma 24] Polisportiva di Castello Brianza Informazioni: Andreino Cattaneo (tel. 039.5310546-333.8274086) - Lorenzo Cattaneo (tel. 039.5310448)

domenica 6 novembre 2016

#piùfortidellapioggia

3°Maratonina d'Autunno - Lecco

Giornata di pioggia per sfidare la mezza autunnale. Partenza previdente e arrivo comodo che permette parcheggio all'ingresso, ritiro pettorali tranquillo e caffè senza premura. Peccato che di Bar neanche l'ombra. Lele e Andrea C. si accontentano della macchinetta, che sconsigliano ai soci del gruppo. Appunto il gruppo. Ritrovo alle 7.00 e partenza immediata con il Bus Lele, Ambro, Andrea C., Andrea R. e Mauri.
L'attesa passa veloce, cambio nel palazzetto PALATAURUS e riscaldamento al caldo. Alle 9.25 ingresso in griglia, dopo un paio di minuti di riscaldamento e senza pioggia. La fortuna ci aiuta in partenza lasciandoci senza pioggia per una decina di minuti e dandoci il tempo di scaldarci, poi la pioggia arriverà incessante per 19k e regalandoci un percorso veramente difficile da interpretare. Pozzanghere, fango sui sentieri, Lele rischia grosso con una storta in discesa intorno al 15°k. Il gruppo si sgretola, ognuno al proprio passo. Mauri e Andrea R. hanno un passo "diverso", Lele si allunga dopo qualche km, Ambro e Caccia restano insieme per 10k, poi, dopo il ristoro, ognuno sceglie la propria andatura. Oggi l'obiettivo è arrivare bene, soddisfatti e senza rischiare, il fondo è molto scivoloso e con molti cambi, pavè, sentiero (fango), foglie, asfalto, salite, discese. Le nostre fatiche terminano sul tappeto blu sotto il palazzetto. Medaglia, ristoro, doccia calda (per chi affronta la coda), vestiti caldi e pasta party. #piùfortidellapioggia e nonostante la pioggia ci siamo "sfangati" anche questa.

Con il sole sarebbe stata proprio una bella corsa, con un bel panorama, in un bel posto. Il clima ci ha tolto un paio di minuti, ma ci ha regalato consapevolezza, siamo, #piùfortidellapioggia.




"Fango e gloria" di Slow Foot. 
La sveglia al polso vibra. Apro gli occhi. Azz se è buio!
Machimelofafare? Vabbè, ho già paccato domenica scorsa, convinto che il trofeo AVO fosse i soliti 2 giri da 6, e a me non piacciono i giri.
Così mi sono perso una bella corsa, rinnovata completamente. Dai, non si può
Apro le persiane e guardo fuori: pioggerellina ultra fine. Piacevole, se non si considera la temperatura. Ma non fa troppo freddo.
Si va.
Al ritrovo siamo 4 gatti. Io, Passirunner, il Nazza e Sig. Roby, ovvero quel distinto signore che, da quando è arrivata Silvia, ha preso il posto di Roby Belo.
Insomma, si dimostra la teoria della Relatività Generale di Einstein: corri con dei 40-50enni, e sei Roby Belo.
Arriva la sbarbata, e diventi Sig. Roby, ZAC! Invecchiato di 20 anni in un nanosecondo.
E' chiaro dopo pochi minuti che non arriverà nessun altro. Vale ha scritto che ci becca al ritrovo.
Si fanno le auto. E qui commetto il mio primo errore.
Sig. Roby e Nazza fanno l'auto da "7 barra 14 km". Io sicuro sui 14. Nel dubbio, Passirunner viene con me. Anzi, siamo sinceri, sono io che insisto.
Masoch al mio confronto era un parvenue.
Mauro-Passirunner prende il suo sacchetto... lo vedo con la coda dell'occhio ma, ancora assonnato, i miei neuroni non attivano le sinapsi del lobo destro, quello dedicato alle abilità deduttive.
Gli chiedo solamente: ma tu non hai le scarpe di riserva? (no insomma... visto il meteo...)
Risposta: "Ma no... poi tanto le tolgo..."
Partiamo.
In circa 15 minuti siamo a Castellazzo, dove ci viene prospettato un parcheggio del ehm... che fa rima per l'appunto con Castellazzo...
La mia auto vede lo spiazzo verde/marrone ed esclama: "Oh no, i miei mortali nemici... erba e fango."
Chiedo ad un addetto se si può trovare un qualcosa di più cementizio, ma non si fanno eccezioni. Passirunner mi indica un posto che sembra meno fangoso di altri.
A piedi verso il ritrovo, noi 4 gatti. La Vale non si vede. Solo Sig. Roby ha portato il cell, per cui è lui che ci informa che Vale "E' qui.".
Sì, ma qui dove? Possibile che non la vediamo? Capirei se fosse un ometto anonimo, tipo Holly o Passirunner (prima della corsa... perché dopo la corsa era distinguibilissimo), ma insomma, di solito le poche ragazze spiccano.
E invece nada. Alle 8:24 io e Passirunner partiamo, Nazza e Sig. Roby erano già andati poco prima.
La corsa è OK. E' la prima volta che la faccio. I tratti nel fango sono molto pochi, e tutti abbastanza gestibili, a meno che il tuo soprannome non cominci per "P" e finisca con "assirunner".
Tutto va come deve, per esempio super Sig. Roby e ancora una volta non sono il più lento del gruppo.
Passirunner zigzaga, nel senso che comincia a farsi alcune deviazioni del percorso da 21, così lo perdo al 3km, poi mi ripassa verso il decimo.
All'arrivo lo aspetto per 5 minuti, mentre continuo a non vedere Valeria.
Poi arriva... La sua "fu" tenuta nera è diventata marrone. La gente è indecisa se dargli conforto, credendolo uno sfollato dell'Umbria, oppure chiedergli informazioni sul Camel Trophy.
Mentre torniamo all'auto, sono preoccupato per due motivi: uscirò dal parcheggio o ci vorrà un trattore come due anni fa? E soprattutto: Passirunner entrerà COSI' nella mia auto?
Entrambe le risposte sono SI.
Prima operazione, ridurre l'impatto chimico-batteriologico di Passirunner. Nella sua minisacca io non so cosa trasporti, visto che NON ha un C(astell)azzo che serva ad un runner, tipo almeno un asciugamano, per non parlare di alcun indumento di ricambio.
Forse nella sua minisacca trasporta un sarchiapone della Tasmania, un talismano del Bengala, il Talmud in versione braille, insomma tutte cose che non occupano gran spazio ma che non servono ad un Castellazzo.
Non so se riesco a descrivervi la scena. Il mio terzo errore (il secondo è stato quello di non mandarlo a casa a piedi, dopotutto doveva fare un lungo), è stato di non fotografarlo.
Si abbassa i fuseaux al ginocchio, si toglie la maglietta, per altro sudata, e la appoggia sulla parte anteriore del sedile, per non fare toccare i polpacci marron-fango, poi appoggia i suoi boxer sudati sul sedile dove nel pomeriggio si siederanno mia moglie e mio figlio, utilizza dei sacchetti di plastica che avevo io per isolare le due bombe batteriologiche che una volta sembravano scarpe da corsa, e cerca di non appoggiare la schiena nuda, pelosa e sudata, sullo schienale del mio sedile.
E con questo contorsionista di Passirana, di cui non riesco a descrivere le mosse da equilibrista per entrare in auto, mi accingo a tentare l'uscita dal fangheggio... pardon... parcheggio.
Ci sono già auto impantanate vicino a noi.
E qui devo dire che forse... forse... Passirunner ha operato come un vaccino per la mia auto.Sapete tutti come funziona un vaccino vero? (Ste, tu vai a vedere questo link: https://it.wikipedia.org/wiki/Vaccino)
Orbene la mia auto, vaccinata da questa "proteina del fango" che ere diventato Passirunner, trova la forza per vincere il pantano, e in pochi secondi siamo fuori.
Ah! Che soddisfazione. Adesso restano solo 15 minuti in auto con questo "Arbre Magic" alla palta, e poi sarò libero.
Arrivo al ritrovo A. Scarico Passirunner. Per gratitudine, mi lascia un ricordo: la "sindone" delle sue chiappe sudate sul mio sedile.
Che declino... anni fa era la Vale, che lasciava la sindone... Sig. Roby: Einstein ha colpito anche me!

giovedì 3 novembre 2016

Convocazione per il 6 novembre 2016

Domenica 6 novembre 2016, qualcuno sarà di scena a Lecco per la 3° Maratonina d' autunno 


per chi investirà una domenica sulle classiche tapasciate, ecco le proposte:

Consigliata Castellazzo di Bollate come prima scelta


17^ MARCIA AVISINA

Bollate
Percorsi: km 7 - 14 - 21.
Partenza: dalle 8 alle 9 dalla Corte Grande di Castellazzo di Bollate.
Costo: € 5 con riconoscimento (guanti tecnici da corsa ); € 2,50 senza. Maggiorazione € 0,50 per i non tesserati FIASP.
Info: Pino 3492216118 - gpavisini@gmail.com; Arcangelo 3391743456 - arcangelo.sampieri@hotmail.com; Fabrizio 3358088584 - fabrizio.marcandalli@gmail.com.
Note: iscrizioni gruppi entro le 22 del 4/11.
Cesti gastronomici ai primi 10 gruppi con almeno 20 iscritti.

Alternativa

15^ CAMMINATA D'AUTUNNO
Veniano (Como)
Non abbiamo trovato indirizzo completo, ma a Veniano non dovrebbe essere introvabile.
(seguire le frecce in loco)
Percorsi: km. 6-12-21
Partenza ore 08.30/9.30
Pro Loco Veniano
Informazioni: Carlo Ferrario (tel. 333.8087980)

CANISICOLTI AL RITROVO A (ALBE) ALLE ORE 7,30 


Buona Domenica!!!!!!!





domenica 30 ottobre 2016

"INDECISIONE" (by Ste) e 14° Montestella (by Silvia)


Domenica a ranghi ridotti questa appena trascorsa, nonostante ci sia io che non brillo per presenze costanti. Oltre al sottoscritto, presente il maratoneta Passirunner, il forse maratoneta Niki, il mezzo maratoneta Ambro, il runner vero DP, oltre alla Triade (signori Roby, Nazza e Maggioni) al completo, giunti come di consueto sulla Robymobile al ritrovo.

Qui iniziano i dubbi...senza il Presidente il gruppo sbanda vistosamente...andiamo a Garbagnate? ma si, vicina.....eh però è brutta...andiamo a Gorla? ok dai, sicuramente piu' bella....eh ma c'è chi è di semi lungo, quindi necessita di avere km "facili" da fare....vabbeh sto tira e molla dura un bel quarto d'ora, dopo di che si decide per la comodità per tutti, chi fa i 12 sul posto, e chi ne deve fare 24 tornando a piedi!


Nonostante l'indecisione, e complice la vicinanza e l'ora in piu' a disposizione, alle 8.00 eravamo già parcheggiati, cambiati, iscritti...ma la corsa partiva alle 9!! Provvidenziale il sig Roby che si inventa 15 minuti di foto in tutte le posizioni, lagnandosi perché voleva a tutti i costi quella sotto l'insegna dell'ospizio....che se ne farà mai??!


Accontentato il sig. Roby e verificato che non era il caso di attendere lo start (nulla da fare, ma soprattutto nulla da vedere, età media veramente da ospizio), partiamo!

E qui la sorpresa, a detta di chi la ricordava brutta: 12km davvero belli, nel Parco Groane ma in sentieri e ciclabili un po' diverse dalle consuete corse in zona, mai sul Villoresi, sempre su canali secondari, percorso con qualche sali scendi, ma filante. Ristoro al sesto km essenziale, cosi come quello all'arrivo, corredato però da mini panini con salame e bologna. In attesa del metronomo Ambro che allunga di qualche km (sante tabelle), gli altri si trovano al Bar per il consueto rito. Tranne Passirunner e Niki che erano già ripartiti per il rientro a piedi, ovviamente sbagliando strada, nonostante fosse tutta diritta. Le ultime li danno ad Arconate, dopo aver visitato Caronno Pertusella, Origgio, e forse pure Cormano! Motivo? Erano INDECISI se andare a destra o sinistra!


14° Edizione Trofeo Montestella

Come da tradizione partecipo anche quest'anno al Trofeo Montestella. D'altronde gioco in casa e non posso non partecipare! Quest'anno sono più allenata e non posso sfigurare, altrimenti chi lo sente mio papà??? La corsa è molto sentita: c'è tanta partecipazione, all'incirca 1.300 runners. Solo Valeria (dei cani) a farmi compagnia (oltre alla mia amica Sabrina). Sono contenta perchè almeno siamo riuscite a vederci dopo tanto tempo. La partenza è alle 9, quindi foto e si parte. C'è una bella nebbia e fa freddo. Subito mi pento di essermi messa pantaloncini corti e maglietta (tante ragazze mi dicono che sono coraggiosa) ma poi via via correndo penso che la mia sia stata la scelta più giusta. C'era molta umidità e chi si è coperto troppo ha patito caldo. Percorso di dieci chilometri su asfalto e sterrato del parco di Trenno, mai noioso. Mi sono davvero divertita e anche migliorata rispetto all'anno scorso!! Il prossimo anno cercherò di fare ancora meglio!

Ricordiamo che sono aperte le iscrizoni alla cena sociale


giovedì 27 ottobre 2016

BILBAO e convocazione


La scelta della trasferta europea del 2016 ha portato i Canisciolti in Spagna, ma non Spagna Spagna, ma nella terra basca di Bilbao, che è ugualos alla Spagna, solo con più X e K.
Ora, vi potrei raccontare diversi aneddoti circa il viaggio (il mio in particolare abbastanza convulso), la visita della città e i vari momenti simpatici trascorsi insieme tra noi podisti e i nostri fedeli e instancabili accompagnatori (moglie e figlie). Ma qui non c'è tempo e spazio per parlarne, qui si parla di Running.
E allora vi basti sapere che dopo aver trascorso il venerdì a camminare ed il sabato a pedalare per la città (il tutto inframmezzato da interessanti momenti culinari), ci si è trovati un po' inconsciamente alla partenza, ore 20.30.
Organizzazione, non proprio il massimo: ritiro pettorali a 300 mt dagli spogliatoi, che erano a 800 mt dall'arrivo, posto a 400 mt dalla partenza... Temevamo sulla temperatura, ma alla fine una maglietta era poco, due forse troppo..ognuno di noi si agghinda come si sente (Canisciolti Style)
Alla partenza: Saetta Nicoletta sui 10 km (ma che ormai è matura x doppiare la distanza), Los Tres Caballeros Holly-Ste-Lello pronti (o quasi) sulla Mezza e il Desperados Passirunner convinto di poter cimentarsi in una maratona seria nonostante le condizioni avverse.
Partenza alla grande, con fiamme alte tre metri e fuochi artificiali... Tutto molto esaltante.. Ma non si riesce a correre! La partenza congiunta di tutti i partecipanti (la maratona comportava due giri della Mezza) in una strada per diversi tratti non sufficientemente adatta per contenere la folla fa si che x i primi 4km si faccia fatica a correre serenamente... Qualcuno lentissimo, qualcuno ti supera... Poi ti accorgi che hai perso tempo sulla tabella e accelleri... Io personalmente solo all'10 km ho trovato il ritmo giusto che volevo tenere... La stranezza di correre di sera piano piano diventa un'abitudine e anche un piacere: folla presente praticamente lungo tutto il percorso, gli incitamententi gettonati erano "vamos" "venga" e "animo"... Percorso tortuoso per i primi 8, qualche salita anche bella decisa...

Praticamente tutto nella parte nuova, più della metà lungo il fiume, come ad Amsterdam, Verona... Mentre Nicoletta conclude brillantemente la 10, chiamata chissà perché Pirata (?!), noi si prosegue.. Holly nonostante l'età e gli acciacchi viaggia a ritmo sostenuto, dietro Ste tiene botta.. Un Lello dichiaratamente fuori allenamento ma con lo spirito giusto arranca dietro, tant'è che al 18 lo raggiungo e cerco di spronarlo, ma ha dato tutto.. Arriviamo al traguardo della Mezza: e qui mi son sentito figo, perché mentre praticamente tutti si fermavano, facevo parte dell'elite (oppure dei poveri pirla, dipende dai punti di vista) che dovevano fare un altro giro
Devo dire che non mi ha pesato ripetere il medesimo giro: conoscevi già le curve, le salite, cosa ci sarebbe stato dopo, energie dosate meglio.. Dal 30 km la folla ha iniziato a scemare, erano ormai le 23: chi a letto, chi a bersi una cerveza... Rimanevano solo i runner reduci dalla mezza e pochi altri... E così quando la sofferenza vera arriva ci si sente soli.. E ti demoralizzi quando scopri che il pacer sono in realtà due runner che si danno il cambio (?!) E ci si angoscia quando al 40 km sbagli strada e fai 150 mt in più.. Al 38km ho realizzato che non mi sarei riuscito a migliorare, allora ho cercato di dare il massimo, ma massimo non c'era più... Al traguardo arrivo comunque con un tempo dignitoso e soprattutto trovo gli Amici che, nonostante l'ora tarda e l'aria frizzantina, mi acclamato a gran voce: e anche x questo si corre. Anche in questa maratona belle emozioni.. Si va a letto alle 2am, alle h.9 aereo di ritorno, stanchezza e poche ore di sonno, ma anche stavolta ne è valsa la pena..

CONVOCAZIONE 30 OTTOBRE 2016
CANISCIOLTI AL RITROVO A (ALBE) ORE 7.30


8° TROFEO A.V.O.Garbagnate Milanese (Milano) Percorsi: km. 6-12 Partenza ore 9.00/9.30 [RSA "Sandro Pertini" Via per Cesate, 62] Associazione Volontari Ospedalieri Informazioni: Domenico (tel. 333.3183562) - avo.garbagnate@tiscali.it

TROFEO MONTESTELLA

34° TROFEO PODISTI VALLE OLONA Gorla Maggiore (Varese) Percorsi: km. 7-13-21 Partenza ore 08:30/09:30 [Area Feste - Via Sabotino] Podisti Valle Olona - Via Roma - 21050 Gorla Maggiore (VA) Informazioni: Claudio Sassi (tel. 335.6929313) - Podisti Valle Olona (tel. 366.2599365)

lunedì 24 ottobre 2016

Locate V., Abbiategrasso, Peschiera, Bilbao

Week end che vede i canisciolti sparpagliati all’ennesima potenza. 
Oltre al gruppo in trasferta a Bilbao, la triade ridotta a biade si dirige ad Abbiategrasso; la Vale e Ivan a Peschiera, il resto del gruppo a Locate Varesino. Quest’ultimo gruppo suddiviso ulteriormente: presidente e Niki partiti prima per aggiungere 10 km e portare a termine il primo lungo.
I due lunghisti raggiungono il ritrovo della gara, ancora con il buio, e pioggia battente. Parcheggio praticamente di fianco alla doccia. Dopo aver fatto i 10 km più brutti della storia (un avanti e indietro sulla varesina, a tratti sulla strada, sotto la pioggia), nel tornare al punto di partenza, ecco uscire di corsa l’intero gruppo dei canisciolti. Se ci fossimo dato appuntamento, non saremmo stati così sincronizzati.
E allora tutti insieme via sul percorso della gara, e anche la pioggia sembra attenuarsi. Gara fatta molte volte, teatro anche di lunghissimi. I primi due km su asfalto, poi dentro nei boschi, su sentieri fangosi e pieni di radici. I primi kilometri resi inoltre difficoltosi dai numerosi camminatori sparsi sul percorso, con gli ombrelli aperti. Dopo cinque o sei km si riesce a correre abbastanza in solitaria.
il percorso è ciò che preferisce il presidente, e il suo amico Holly in trasferta a Bilbao: bosco, fango, bosco, pioggia, bosco bosco bosco. Bellissimo il solito passaggio nelle conifere. Sui 22 anche Lele, Paolo e l’amico modenese prossimo a New York, che salutiamo.
Alla fine cosa c’è di meglio se non le fantastiche docce calde?
Abbiategrasso (di Roby)
La triade, sabato dopo aver scelto Abbiategrasso, la corsa del cuore, domenica alla partenza da Rho si riduce a biade , M. Livio ha dato forfait, dovrà dare spiegazioni ….
Un percorso quello di Abbiategrasso pianeggiante già collaudato più volte, ma a differenza degli altri anni la corsa è stata ridotta a km 9 ed il percorso è stato variato per essere inserito tra una mezza e la maratona dei navigli.
Alle h. 8,00 arriviamo sotto una pioggia battente ad Abbiategrasso, le frecce ci dirigono verso area fiera,  anziché castello (variato anche il ritrovo), mega struttura con spazi enormi coperti dove ci si può cambiare senza urtarsi e lasciare i borsoni, i runners sono numerosi, d’altronde il naviglio e la campagna sono siti che sempre attraggono, ci sono anche i maratoneti che si spalmano pomate miracolose impregnando tutta l’aria dei saloni fiera.
Ci mettiamo in fila per l’iscrizione, ci guardiamo intorno per vedere se troviamo qualche canesciolto, ma niente, allora decidiamo di partire subito per bruciare i tempi, usciamo dalla tensostruttura per scattare la classica foto che certifica la presenza e qui c’è la sorpresa non piove più, foto e via subito sul percorso.
Percorso prevalentemente su asfalto che costeggia il naviglio e la zona laterale del paese, comunque fuori dal traffico, brevi gli sterrati che lambiscono cascine e granai, a metà percorso il ristoro, mediocre, come quello all’arrivo.
Ma c’è ancora una sorpresa, una volta giunti all’arrivo la pioggia ha ricominciato a bacchettare, possiamo dire essere stati fortunati, siamo tornati a casa presto e asciutti.

PIN, PUK... RUN!  (di Ivan)
In nome della vecchia amicizia, e anche per vedere il piccolo Daniele, raccolgo la supplica di Valeria: "Ivan, vieni a Peschiera, e quando corriamo fai finta di broccolarmi, che da quando sono diventata mamma non mi tampina più nessuno."
Povera. La capisco. Anche Holly è sparito.
Vabbè, mi reco quindi a Peschiera, passando da San Donato dove si è trasferita l'ex rhodense.
Pioviggina, ma è quel meteo ideale: si corre bene, e c'è un sacco di gente che se vede due gocce da forfait, per cui meno casino al ritrovo, parcheggi comodi, e ristoro abbondante, o comunque più abbondante del previsto.
Iscrizione rapida, e alle 8:45 si parte, tutti insieme. Il campo sportivo di partenza appartiene all'oratorio, e la chiesa saluta i runner con una scampata tipo quelle che "hanno eletto un nuovo Papa".
La corsa comincia su pista ciclabile asfaltata, ma presto si immette nelle brumose campagne piatte di quella zona. Niente boschi, ma visto il meteo, non è che perdiamo chissà che.
Devo ammetterlo, anche se nessuno di voi che legge lo poteva aver sospettato, Valeria è già più veloce di me. L'altra volta, nell'articolo, avevo un po' abbellito il racconto.
Per cui rimango sorpreso quando, km1, km2, km3, km4... ecc, Vale resta al mio fianco a chiaccherare.
Alla terza volta che le dico: "Vale, se vuoi... vai pure.", lei mi risponde. "Ma no, preferisco restare qui a parlare, sennò mi annoio."
A quel punto noto che non ha i soliti auricolari attaccati al telefono: "Eh, colpa tua che ti scordi la musica!"
E Lei: "No, è che stamattina ho sbagliato tre volte a mettere il PIN del cellulare, e adesso ho bisogno del PUK. Ma ovviamente non ce l'ho a memoria, quindi finché non torno a casa e lo cerco, non posso usare il cell, salvo che per le foto."
A-ahhh! Ecco il perché di cotanto altruismo: se non avesse incasinato il PIN e il PUK, sarebbe già partita per la tangente.
Poco prima di metà corsa, al 7km, senza dire niente, allunga il passo, e se ne va.
Arriverà al traguardo 3 minuti prima di me.
Dopo essermi scofanato 3 panini al salame (ristoro molto buono, in varietà e quantità), riprendiamo l'auto e andiamo a casa di Vale.
Il mio cell fa schifo a fare le foto. Allego le 3 meno peggio, e lascio al Pres decidere se e quante pubblicarne.
Daniele è bellissimo. La Vale invece è una merd#ina perché si rifiuta di fare l'articolo pur essendo una casalinga disperata mentre io dovrei fare il budget 2017 della mia azienda.
Avevo promesso di farle male con l'articolo... ma alla fine sono troppo buono.


CALENDARIO