mercoledì 21 giugno 2017

Cantalupo, Carbonate e convocazione 25 giugno 2017

C'E' SOLO UN PRESIDENTE..... (di Silvia)
Domenica mattina i canisciolti (o come ci chiama mio papà i "cani randagi") sono un pochino sciolti .... ma non più di tanto direi ....
Infatti, nonostante la divisione in gruppetti, alla fine ci si troverà tutti a Cantalupo: tutti eccetto il Presidente, di cui sentiremo la mancanza (il Pres è il Pres). Parentesi: sabato scorso alla SGCC ho conosciuto la mamma del Pres, in fila davanti a me e le ho detto: "Ma lei è la mamma del Presidente?! Che ridere!
Assente giustificato il sig. Roby, forse in vacanza dopo la SGCC. Ambro?
Ste, travestito da ciclista, ci manda un selfie che nulla prova della sua attività sportiva....
Ma torniamo a noi. Io, Holly, Lello (che ha già fatto 9 km prima di bere il caffè), Stefy, Luisa, Mauri, Pirata e Andrea C. ci troviamo al baretto per un caffè pre-corsa offerto gentilmente da Luisa, gli altri (v. foto di gruppo) direttamente sul posto.
Non ho alcun ricordo della corsa di Cantalupo, finchè non arrivo sul luogo della partenza: quando arriviamo improvvisamente mi ricordo di tutto, soprattutto del caldo patito l'anno scorso. E' meglio comunque non pensarci. L'organizzazione di questa corsa è ottima, il clima è di festa. I percorsi sono due, 6 e 10 km, immersi nel verde e con numerosi ristori, indispensabili vista la giornata calda.
Non posso dire molto altro: Lele e Mauri partono subito forte e li rivedrò praticamente all'arrivo. Anche Max e Holly (con la sua inseparabile spina) aumentano subito il ritmo e se ne vanno. Corro allora con Lello (Nello per Luisa), Luisa, Andrea C. e il Pirata che al ristoro riuscirà addirittura a farmi bere un bicchiere di vino rosso (ecco, secondo la filosofia del Pirata, il senso delle tapasciate domenicali: pane e salame e un bicchiere di vino rosso, niente tempi e risultati).
Dopo alcuni minuti trascorsi a gozzovigliare, si riparte e qui il vino comincia a produrre i suoi effetti tanto che Andrea C. comincia a lamentarsi per il caldo e ad aumentare il passo.
Nonostante il caldo, aumento anch'io il passo (ma solo perchè non vedo l'ora di arrivare!!) e corro da sola gli ultimi chilometri. Proprio all'ultimo km vengo raggiunta da Lello/Nello che mi chiede di aumentare il ritmo. Voglio morire!!! Ma resisto!! Posso farcela, mi dico! E così arriviamo insieme al traguardo, stanchi ma contenti. Dopo il meritato ristoro, due chiacchiere e tutti a casa. Grazie per la bella mattinata!

Irrinunciabile Carbonate. Uscito di casa alle 7,35, passo dal ritrovoA per vedere se c’è qualcuno, ma non scorgo nessuno, così non entro neanche nel parcheggio, e mi dirigo a Carbonate. Alle 8,05 scatto il selfie di rito, e subito inizio a correre. 
Penso sia cambiato il percorso, poiché per entrare nel bosco percorro ben 2 km di asfalto, tra villette del paese, con quell’odore di legna di camino. Gli altri anni si entrava dopo poche centinaia di metri. Finalmente l’ingresso nel bosco
Le foto le ho scattate solo dove filtrava qualche raggio di sole, altrimenti l’ombra era troppo fitta, troppo buio per il mio cellulare, molte cestinate.
Il profumo del bosco, unito alla frescura, mi dona euforia, e mi ronza da subito in testa il pensiero di fare la 20 km, distanza che non faccio da ben otto mesi, e mediamente ormai corro una volta al mese. Ma essendo solo mi sento più libero, così da scegliere l’andatura che più mi conviene. Il bivio 12 / 20 è già al sesto km, e giro per i venti. Correre nel bosco è fantastico, tutta ombra,  percorso bellissimo. Ho dovuto rinunciare alla compagnia del gruppo, e mi dispiace, ma la corsa di Carbonate non ha paragoni nelle vicinanze.  Sulla 20 presenti numerosissimi ristori, forse sei o sette, tra cui uno nuovo in un agriturismo, piacevole alla vista, che presentava un vero e proprio buffet, e infuso con foglie di menta. Ma anche negli altri tra le solite cose, salame mortadella, uova sode pomodori e dietro il bancone pure il vino solo a chi lo richiedeva poichè vietato  ….
L’ultimo km è fuori dal bosco, su una pista ciclabile assolata, che poco centra col resto del percorso.
Torno a casa soddisfatto, che la corsa mi ha dato quella illusione di normalità. Al ritmo blando, avrei potuto anche fare la 25 …. Sarà per l’anno prossimo. 

CONVOCAZIONE PER DOMENICA 25 GIUGNO 2017  
La Bèla Manera De Cùrr. Manera di Lomazzo. Ritrovo: Centro sportivo parrocchiale di Manera, p.za Risorgimento 1, Manera di Lomazzo Partenza: libera dalle ore 8:00 alle ore 9:00 Percorsi: 7,13,21km Servizi previsti: Parcheggio, assistenza medica, radioassistenza, servizio scopa, servizio custodia chiavi e bagagli, spogliatoi, docce
CANISCIOLTI AL RITROVO A (ALBE) ALLE ORE 7,30 

Interessante alternativa per sabato 24 giugno; a Valbrona (CO) 1° trail dei corni, di 26 km dislivello +1.900, partenza ore 15,00. tutte le info su http://www.traildeicorni.it/

venerdì 16 giugno 2017

Convocazione per il 18 giugno 2017

41^ VAI COL BOOMERANG Carbonate - COMO Percorsi: Km. 6-12-20-25 Partenza ore 8:00/9:00 [ex-bocciodromo, Via De Gasperi] G.P. Boomerang - Via S. Rocco, 7 - 22070 Locate Varesino Informazioni: Andrea Volontè (tel. 0331.831889-347.2428486)

CANISCIOLTI AL RITROVO A (ALBE) ALLE ORE 7,30 


mercoledì 14 giugno 2017

Grande festa

Tutte le Foto
10-06-2017 - SGCC2017 pre gara e partenza
10-06-2017 - SGCC2017 passaggi ultimo km I
10-06-2017 - SGCC2017 passaggi ultimo km II
10-06-2017 - SGCC2017 arrivi I
10-06-2017 - SGCC2017 arrivi II
10-06-2017 - SGCC2017 arrivi III
10-06-2017 - SGCC2017 dopo gara e premiazioni

SANGIUAN CHE CAMINA (estratto da Roby) 
Dobbiamo essere più che soddisfatti di come si è conclusa questa 8° edizione, non solo per i numeri ma anche per il post corsa e per tutto cio' che è stato fatto, è stata una festa. 
Il bel tempo ha contribuito sicuramente a favorire la partecipazione dei tanti runners e simpatizzanti. La corsa oramai è conosciuta e in giro se ne parla bene.
Bello rivedere canisciolti storici, come Peter, il Gianca, Pierino e addirittura Gugu seppur in borghese.
Le magliette anche loro sono diventate un simbolo della corsa, sono molto apprezzate da tutti, ottima la sua "fashion line" e ottima anche la sponsorizzazione che facciamo. (vedi cinq cassinot - Lainate, ecc.)
Chi è rimasto senza è stato deluso.
Oramai l'esperienza ci permette di velocizzare il tutto nel pre e post gara, ottimo il lavoro di squadra, da chi è andato a segnalare i percorsi a chi ha lavorato sul campo.
Un grazie caloroso a TUTTI i canisciolti che si sono resi disponibili e prodigati per la buona riuscita della corsa. In un certo senso è anche la loro corsa....
Grazie ancora ai due sponsor che oltre aver sponsorizzato la corsa, si sono resi disponibili con il loro furgone, indispensabile per le varie attività logistiche, per sopperire a quello dell'oratorio destinato per un disguido tecnico ad altra funzione.
Peccato della rottura motore elettrico dell'arco gonfiabile, nonostante gli interventi dei tecnici ci ha lasciato a piedi.
Quest'anno abbiamo avuto sul campo anche lo stand del McDonald's di Rho, bello, grande e colorato, ha contribuito anche lui a vivacizzare l'ambiente con i loro prodotti. Grazie
Ci ha fatto molto onore la presenza in campo di un grande maratoneta di livello internazionale, Danilo GOFFI che ha parlato al microfono e si è reso disponibile anche per le premiazioni; ha dato sicuramente un valore sportivo in più alla corsa. Grazie.
Bello il colpo d'occhio della partenza vedere centinaia di runner con la maglietta della sgcc che scalpitano aspettando il via.

Il CRICETO! (di PaoloPa) Reduce dalla bellissima serata della SGCC, faccio una nuova esperienza podistica. Coinvolto in questa competizione da un gruppo di colleghi, mi reco in quel di Rovello Porro, per partecipare alla 34^ EDIZIONE DELLA STAFFETTA 24x 1h., organizzata dal Gap di Saronno. 
Il centro sportivo dove si svolge la competizione è stato trasformato in un campeggio. I responsabili delle staffette in molti casi hanno pernottato in loco.
Il clima dei supporters è caldo quasi quanto la situazione metereologica. Mi tocca la frazione di chiusura della competizione. Incrocio Il Pirata ed il Lungo, inseriti in un’altra squadra, foto di rito, confronti e riflessioni sulla competizione, ma la calura comincia ad avere la meglio. Mi regalo un massaggio pre/gara, faccio un po’ di riscaldamento e poi via do il cambio a Stefano e comincio la mia ora di gara. Sarà l’abitudine alle tapasciate nei percorsi aperti e variegati, ma subito capisco che non è una situazione congeniale per me. Troppo ripetitivo correre in pista per un’ora, infatti agli ultimi 2 giri accuso addirittura un principio di crampi. Termino la mia attività con una doccia fantastica ed un ulteriore massaggio. La sensazione del criceto in gabbia che mi ha procurato correre in pista purtroppo ha compromesso, un’esperienza con una finalità nobile! 
Alle volte bisogna accontentarsi!!

Solaro...che "sola" regà! (di Luisa) Questa mattina al ritrovo cani sciolti eravamo in 3, io, Passirunner e Lele (pardon, lello!!) tutti gli altri altrove..chi in bici, chi a festeggiare il compleanno ( auguri Mauri!!), provati dai bagordi della SGCC o dalla super staffetta notturna. Boschesse a busto o  Strasolaro? Valencia o Venezia? Nel dubbio vince la vicinanza e arriviamo al centro sportivo di solaro con grande anticipo. Sembra tutto serio e curato, ci danno anche il pettorale, ma non ci sono spogliatoi o deposito sacche...La caldazza già attanaglia pelle e pensieri e quindi decidiamo di partire subito senza aspettare le 9. Foto sotto il finish e si parte, dopo 500 metri siamo già nel dubbio su quale sia il percorso corretto...mancano i cartelli iniziali e non c'è nessuno ad indicarci la strada. Decidiamo di addentrarci per un parco e poco dopo iniziano a comparire le frecce da seguire: - meno male, percorso trovato!- pensavano i tre-tre fra se-e-se, ma poco dopo ci rivengono altri dubbi....ci mettiamo alla ricerca di queste frecce gialle come fossimo in una caccia al tesoro, accompagnati nelle vie dalle allegre decorazioni delle contrade del paese. A noi, però, continuano a comparire solo i 3 porcellini, disegnati ovunque, che sia un indizio?!! Finalmente cartello 19 km, lo seguiamo. Il caldo sale e fortuite fontanelle sul percorso ci rinfrescano i coppini. Al primo ristoro ci troviamo due signore arrabbiatissime col mondo dei runners che buttano i bicchieri fuori dai loro sacchetti di plastica legati pedissequamente alle staccionate, ma pure io da ferma ho fatto fatica ad aprire il sacchetto appiccicato elettrostaticamente, per centrare il bicchiere. Forse questione di altri "cicli" o forse volevano correre anche loro e invece le han piazzate li? Mah! Cosa le aspettava dopo il nostro passaggio!!  Ma la domanda che le ha vinte tutte diventando retorica al 7 km è stata: " ma voi siete partiti prima??" Si, no, boh, siamo i più veloci, siamo cani sciolti...le abbiam risposte tutte, sennonché a circa metà corsa ci raggiunge il primo dei 19km partito giusto...flash man!! E da lì nessuno ci ha più considerato. Ringrazio Mauro e Lello per essersi sacrificati durante il percorso stando al mio passo che poco a poco è rallentato inesorabilmente. Ho pensato anche a Ivan per trovare conforto nella mia andatura. I 18 comunque li abbiamo raggiunti, i 19 no perché di fatto abbiamo scoperto all'ultimo di avere invertito o sbagliato qualche giro, quindi i 3 porcellini sono ancora la a Solaro a farsi beffa di noi.
Il ristoro finale è la ciliegina: tutta roba confezionata, brioches o torte ultra conservate poco dissolubili al palato e in gola. Da bere coca-Cola, fanta e acqua. Ci vogliono far del male qua a Solaro? O forse vogliono spingerci a mangiare qualcosa di buono alla sagra del cinghiale proprio attigua al campo? Le pubblicità dei cartelloni inneggiano ovunque effettivamente!! Massì, bella mattinata in ogni caso, le endorfine della corsa le superano tutte e poi il percorso non era mica male tra ombrosi boschetti, campi e cittadina in festa... che poi quale sarà stato il vero percorso bah??!
W la compagnia e i tre porcellini.

martedì 6 giugno 2017

L'estate si avvicina

CUR CUI RAN (di AndreaC) Semplicemente come gestire al meglio una tapasciata e renderla unica  da prendere come  esempio  per migliorare anche la nostra corsa di casa.
Funziona tutto……..  organizzazione e marketing !!!!!!    A partire dal nome “ CUR CUI RAN” che  è  uno slogan diretto ed accattivante  .
Solito speaker che coinvolge tutti senza eccedere ma tenendo alta l’attenzione di tutti .
Sono arrivati a nove edizioni ed il numero dei partecipanti aumenta sempre di più.
Quest’anno arricchiata da un complesso Rockabilly  che  forniva la carica per partire a razzo ed anche come sottofondo piacevole al ristoro finale .
La ormai consueta corsa dei bambini ,  anche questa ciliegina sulla torta finale  !
Infine l’essersi associati ad uno scopo nobile  con il gruppo   Africa & Sport lega  completa  il progetto  globale   
Complimenti veramente
Ancora una volta eravamo un  bel gruppetto almeno una ventina  foto di rito sul palco e via per le stradine intorno al villoresi .
Ristori precisi e con tutto il necessario .

"Wrrrroooommmmm" (di Sl@w Foot.) Venerdì 2 Giugno bigio la corsa principale per il gruppo, cioè la simpatica Curcuiran, per recarmi in quel di Monza Parco. 
Correre nell'autodromo, ma anche nel celeberrimo Parco, mi aveva sempre attirato.
In più c'è questa mia tensione nel fare del bene a chi è meno fortunato di me, in questo caso Valeria, questa runner di periferia che da ormai due anni si è trasferita nella parte più sfigata dell'hinterland milanese. 
E si perde tutte le migliori tapasciate. 
E allora vabbé: non lasciamo sola questa ex-giovane. 
Da parte mia avevo programmato tutto per sconfiggere la Vale davanti ad un pubblico abituato alle performance velocistiche dei bolidi di Formula: l'audience ideale per prendermi la rivincita perfetta. 
Meteo: studiato. Strategia pit stop: studiata. Strategia corsa: studiata. 
Ma per una incredibile serie di circostanze che andrò ad elencarvi, non sono riuscito a sopravanzarla. 
Insomma, questo weekend è stato fatale, sportivamente parlando, per tutti i partenti favoriti: la Juve, Maverick Viñales, ed io. 
Ecco i motivi, tutti documentabilissimi: 
1) Congiunzione astrale sfavorevole. Urano entrato nella quinta casa con Venere che esce quando Mercurio rientra e la Luna calante col profilo crescente... 
2) Scelta errata della mescola delle suole delle mie Asics. Le soft penalizzate dalla partenza piuttosto tarda (9:30), quando ormai la temperatura dell'asfalto toccava i 40°C. 
3) Pit stop problema uno: Vale si fermava per "cambio acqua" 10 minuti prima della partenza, io no! 
4) Problema alla partenza: mi incasino col nuovo cronometro e perdo metri preziosi. 
5) Surriscaldamento del motore e dal decimo chilometro non entrano più le marce superiori alla seconda. 
6) Doppiati sul tracciato che rallentano la mia andatura. 
7) Pit stop problema due: Il mio cambio suole ha richiesto parecchi minuti mentre il team della Vale ha eseguito il cambio in pochi secondi. 
8) Durante tragitto nel Parco mi fermavo tre volte per: A) Recuperare gattino impaurito su albero ad alto fusto. B) Sostituire alla battuta una giocatrice di beach volley alla partita di beneficienza Monza-Lissone. C) Effettuare manovra salvavita su runner colpito da infarto del miocardio. 
9) Ulteriore pausa forzata per ricevere "Monzino d'oro" da autorità Monzesi per quanto sopra elencato, ma con specifica menzione: "Per aver effettuato 7 servizi vincenti consecutivi annullando 5 match ball al 5 set così portando alla vittoria la gloriosa Virtus Monza." 
10) Firma autografi alle decine di persone accorse per l'estemporanea premiazione. 
Nonostante tutto ciò, arrivo al traguardo a pochi secondi da Valeria. Sono troppo stressato però per palesarmi, per cui lei crede che io sia chissà dove, magari ancora a 2 km dall'arrivo (per dire) quando lei manda le foto sulla chat del gruppo. 
Rientro a casa pensando: il prossimo 2 Giugno: Curcuiran. 
PS 
Per questa volta salto l'appuntamento con: "Bargigia, chi era costui?" Ma prima o poi... 

VIGHIGNULADA (di AndreaC) Alla partenza stavolta  siamo solo in nove quasi tutti in macchina  salvo Lello che arriva direttamente da Rho di corsa .
Una parte del gruppo ha ha partecipato alla corsa per Samia sul lago di Comabbio, altri invece si sono lasciati convincere dalla  non confermate pessime previsioni meteo!
Pres – Holly  inizio a sentire la vostra mancanza,  l’essenza dei canisciolti non può essere sostituita  ritornate al più presto tra noi .

Di questa corsa ricorderò  tre cose ben distinte :
1.       Umidità al 100 %  per i primi  3 km di corsa!!!! Credo di non avere mai sofferto cosi tanto  il caldo tropicale di domenica  ,per fortuna  svanito una volta entrati nel boschetto.
2.       Ivan  dove sei sparito????  Presente nella  foto di gruppo , partito a razzo per andare a prendere il Livio Maggioni e  mestamente disperso dopo il bivio dei 6/12KM.    Mai più  rivisto all’arrivo!!!!
3.       Per la prima volta non ho visto il panino al salame  tipico di questa corsa , per la verità io non lo ho mai mangiato ma Il buon Suter & Co  ne decantano  ancora oggi  l’eccellente fattura .

Infine ritrovato all’arrivo il nostro Avvocato Andrea  arrivato lungo per la foto di gruppo  ma ha percorso in solitaria i 6KM , GRANDE CUORE !!!!  
Grazie  Nazza  mi hai tenuto compagnia per tutta la corsa ne avevo proprio bisogno !

giovedì 1 giugno 2017

Convocazione doppia: 2 e 4 giugno 2017

Due giornate di corsa, due presenze per la classifica.

VENERDI’ 2 GIUGNO 2017 : 8° CURCUIRAN – Fraz. Villanova di Nerviano , Via Tonale– Partenza ore 9,00, percorsi 7 e 12 km. Servizio docce.
CANISCIOLTI DIRETTAMENTE SUL POSTO ALLE ORE 8,30

DOMENICA 4 GIUGNO 2017: 44a VIGHIGNULADA -  VIGHIGNOLO DI SETTIMO MILANESE 8,30/9,00 di Km. 6-12 Fioeu de Vighignoeu - Via A. Airaghi, 30/A - 20019 Settimo Milanese Sig. G. Facchetti - Tel. 348 7411674 e-mail: giovannifacchetti@live.it 
CANISCIOLTI AL RITROVO B (Fulvio) ALLE ORE 8,15
oppure DIRETTAMENTE SUL POSTO ALLE ORE 8,30

Alternativa:
3° Corri con Samia – a Ternate (VA) di km 12 partenza 9,30.

lunedì 29 maggio 2017

Gutemberg si è fermato a Solaro

Gutemberg si è fermato a Solaro. (Di Sl@w Foot) 
"Carneade", chi era costui? Ruminava tra sè Don Abbondio seduto sul suo seggiolone, in una stanza del piano superiore... 
"Bargigia", chi si cela dietro questo nomignolo, ruminerete voi Canisciolti da oggi, e per le prossime domeniche, fino a quando il vostro articolista d'assalto non deciderà di svelare l'arcano... 
eh eh eh... 
Donna o uomo? Assiduo frequentatore di tapasciate o runner occasionale? 
eh eh eh... 
Volete un indizio? E sia. Allora sappiate che Bargigia corre più veloce di me. 
Così avete ristretto la lista dei sospetti al 95% dei Cani. 
Ma a tal proposito, vorrei puntualizzare il discorso delle velocità. Io sono più veloce di Signor Roby, ma anche di Vale dopo il 5 mese di gravidanza, e da ieri ho scoperto anche più di Silvia quando è "in quei giorni". 
Tra l'altro Silvia... Vedi di essere seria. Se stai male e ti supero, devi essere coerente. Non che dopo 5 km mi risuperi dicendo: "Sto meglio." 
Dopo quest'ampia prolusione veniamo alla corsa. La mia 6a Quater Pass, prima volta che faccio la 20k, ma sarà anche l'ultima. Infatti, dopo il bivio 13-20, il percorso non dice più nulla di bello. Ho letto qualcuno sulla chat che ha dichiarato quanto è stato bello il km15 a fianco dei binari. Ecco, proprio quei 2km abbondanti che mi hanno annoiato di più. 
Ma partiamo dall'inizio. 
Mi reco a Cesate in Scooter, (Ste invece in bici). Pur facendo una strada principale, passando da dietro "Il CENTRO" di Lainate, non trovo cartelli che indichino dove sia il ritrovo. 
E' lì che capisco che la stampa a caratteri mobili, invenzione Cinese ma sul nostro continente attribuita al buon Gutemberg, non è mai arrivata a Cesate. Si è fermata al paese prima (venendo da Nord), Solaro. 
Già, la stampa a caratteri mobili che ha consentito la diffusione di libri, di movimenti culturali e religiosi (del Protestantesimo per esempio), e un innalzamento del grado di alfabetizzazione delle classi meno abbienti. 
A Cesate, causa penuria di libri stampati, sanno scrivere in pochi. Per cui i cartelli scarseggiano. 
E così arrivo al ritrovo (architettonicamente parlando tra i migliori delle tapasciate lombarde), quando i cani sono già tutti presenti, o quasi. 
Tocca citare Sergio, che viene a fare l'uomo immagine (a chilometro zero) per promuovere la Sangiuan. E poi anche Simone, con un look che a Milano si dice "barbuto", ma a London dove lavora lui si chiama "hipster", che fa molto più fico. 
La foto di gruppo con 14 elementi è eloquente: se ci fossimo iscritti come Gruppo saremmo andati a premio (ho controllato il tabellone). 
A proposito, facciamo Gruppo per la Vighignulada? Visto che Roby va a fare il timbratore, ci facciamo tenere da parte i biglietti. 
Caccia, Simo, Silvia e Luisa senza le magliette della Sangiuan. Mi sa che solo Luisa è giustificata perché l'anno scorso a Giugno non frequentava ancora i Cani. 
Mentre si parte, all'orizzonte appaiono la Volpe e il Piro. Troppo tardi per la foto. 
Come sempre dopo un paio di km resto indietro. Ma poi sorpasso Silvia prima del bivio 6-13/20. Non sta bene. 
Non per ripetermi ma... Se una persona (seria) non sta bene che fa? Imbocca il bivio in direzione 6k, no? 
E invece no. L'avvocato Silvia mi risupera a tradimento prima del bivio 13-20. A questo punto non sarei sorpreso di vederla in classifica con un 20k per la corsa di ieri. 
Proprio al bivio 13-20 incontro il trio Pirata-Caccia-Luisa, reduci da un errore di direzione. Avevano svoltato verso i 13 anche perché c'era un ristoro a cento metri dal bivio. 
Rientrano sul percorso dei 20. Restiamo insieme per un chilometro. 
Il sole comincia a picchiare di brutto. Il percorso ha ormai esaurito i tratti boschivi. Ombra... poca. 
E pensare che avevo preso pure la protezione solare, ma causa ritardo dovuto a scarse indicazioni, avevo rinunciato ad applicarla. 
Bene ha fatto chi ha scelto la 13. Credo Max, Paolino, forse persino Passirunner, ma non sono sicuro: deduco dalla chat e dal fatto che al ritrovo ho visto solo quelli con me al bivio sulla 20, e Silvia. 
All'arrivo, discreto il rinfresco, ma il the caldo andava bene l'anno scorso (pioveva). 
Avete indovinato chi è "Bargigia"? Solo due Cani oltre a me ne conoscono l'identità. Ma se non fanno spoiler, la saga continuerà... 

3 COI DE CIUS 
Alla prima edizione della ‘tre colli di Chiuso’ Presenti solo due canisciolti, abbastanza anziani nel gruppo. Altri due anziani potevano essere presenti. 
Destinazine Chiuso , paese vicino Lecco, dove è previsto l’arrivo. Decidiamo di lasciare la macchina, e andare a piedi alla partenza, che è a Maggianico, a circa 1,5 km.
Fila per le iscrizioni nel bar dell’oratorio, a parte i primi 150 iscritti on line che avevano diritto alla T-shirt . Fa molto caldo, un ghiacciolo, qualche bicchiere d’acqua del rubinetto, e via pronti per partire.
Più di 200 i runners per questa prima edizione, ma si vede subito che il livello è molto alto, inoltre ci sentiamo 'stranieri', così partiamo dalle retrovie.
Alle 16,30 puntualissimi si parte. I primi due km tutti su asfalto e circa pianeggianti li facciamo in apnea, poi ci si addentra nel bosco, e inizia una vera e propria scalata. Incorribile Vedi altimetria. Dopo un’ora avevamo percorso 5,5 km! Finalmente si arriva al primo colle, che poi si rivelerà la salita più lunga e più ripida di tutte. Qui ci aspetta il ristoro, su una specie di altipiano con due o tre case abitate tipo di montagna. Siamo a quasi 700 metri s.l.m. Seppur abbiamo sempre camminato siamo distrutti, ce la prendiamo con calma, e rifiatiamo un po. Beviamo ettolitri di thè superbuono. Ora che ci siamo fermati, l’arietta di montagna è freschina. Ripartiamo pensando di correre in discesa, ma non sarà così. Eh già: troppo ripida per noi vecchi, da fare tutta in frenata. Spaccagambe! Ho le fiacche sulla punta delle dita poiché il piede frenando sbatteva in avanti sulla scarpa. Qualche tratto si corre, altri si frena.
Quando si esce dai boschi, i paesaggi sono molto belli.
Finita la discesa il percorso riprende a salire per il secondo colle. La salita sarà più corta di quella del primo colle, circa la metà.  E quella del terzo sarà ancora la metà del secondo. Si passa dal Castello dell’innominato (chi non ha studiato il Bignami?) . 
Finalmente iniziano gli ultimi due km di discesa. Ma restiamo titubanti davanti all’ultima tentazione: una trattoria con vista mozzafiato, con lettini e sdraio sui verdi prati. Cosa di meglio che bersi una birra? Ma dopo qualche tentennamento optiamo per andare al traguardo…
Arriviamo con annuncio dello speaker del nostro nome e cognome e il timer sotto l’arco segna 2 ore e 20 minuti !!! Posti belli, ottima organizzazione, ma corsa che decisamente non fa per noi. Neanche paragonabile lontanamente a tutti i vari trail da noi fatti.
Fantastica la doccia finale, ma la ciliegina sulla torta è la birra alla spina ghiacciata e buonissima bevuta seduti all’ombra con la brezzolina di montagna. A testa alta anche stavolta!


giovedì 25 maggio 2017

CONVOCAZIONE DEL 28 MAGGIO 2017

28/05/2017: Cesate 30^ QUATER PASS FRA I CASSIN DE CESA' Percorsi: km 7-13-20 Partenza: dalle ore 8.00 alle ore 9.00 (la partenza ufficiale sarà alle ore 9.00) presso Polisportiva Oratorio Cesate S. Francesco, Via Concordia, 6. Costo: € 5,50 con riconoscimento (tris di pasta fresca); € 2,50 senza riconoscimento. Maggiorazione € 0,50 per i non tesserati FIASP. Info: Sig Maggio Andrea 02/9693276 (ore pasti) email: androsmag@alice.it Sig. Grava Ottavio 02/83639442 (ore pasti) email: otto.grava@teletu.it 
CANISCIOLTI AL RITROVO A (ALBE) ALLE ORE 7,30 

Alternative:
- Cassolnovo 17^ Camminata Cassolese Ram di Pra e di Strii Percorsi: km 7 - 14 - 21. Partenza: dalle 7.30 alle 8.30 dal Campo Sportivo Comunale. Costo: € 5,50 con riconoscimento (bottiglia di vino, porzione di pesciolini, spazzolino da denti per i primi 600 iscritti); € 2,50 senza. Maggiorazione € 0,50 per i non tesserati FIASP. Info: sig. Agostino Rossin 038120424 - 3348117591 - unionespostivacassolese@virgilio.it. Note: riconoscimenti ai gruppi con minimo 12 partecipanti.
40^ CAMMINATA DI S.CARLO INTORNO AL LAGO DI VARESE  Gavirate (Varese)   Percorsi: Km. 6-13-18-28 Partenza ore 8:00/9:00 [Lido di Gavirate] Gruppo Sportivo Camminatori San Carlo Varese - Piazza Roma, 6 - 21040 LOZZA (VA)  Informazioni: Luisa Zatta (tel. 347.7262272) - www.camminatorisancarlo.it 

- 3 COI DE CIUS Chiuso (LECCO) Sabato 27 Maggio 2017 Ore 16.30: Partenza gara Lunghezza percorso: 14.7 km circa Dislivello totale positivo: 850m.  www.3coidecius.it 
Molto interessante ....

CALENDARIO